Programma workshop 2019

10.00-11.00, 12.00-13.00, 14.00-15.00

L'immagine vale più di mille parole? La multimedialità come risorsa per l’inclusione - Massimiliano Andreoletti 

«Vedere non è percepire; percepire non è comprendere; mostrare non è spiegare».

L'apprendimento non è un processo naturale né innato, ma avviene nel corso di tutta la vita in cui si "impara a imparare". Il mondo, l'esperienza quotidiana sono lo spazio-tempo in cui ognuno di noi deve riuscire ad individuare quali sono gli stimoli fondamentali che vista, udito, tatto, odorato e gusto ricevono in ogni momento. Tra i vari organi di senso, vista e udito risultano privilegiati per comunicare il maggior numero di informazioni tramite immagini e suoni. Con la larga diffusione del digitale nella società, grazie a televisori connessi alla rete, computer, smartphone, tablet, proiettori, LIM ecc., la multimedialità intesa principalmente come unione di immagini e suoni è entrata a scuola a supporto dell'attività formativa.

Ma è sufficiente mostrare un'immagine per agevolare l'apprendimento? La visione di un video de facto ha fatto accrescere le conoscenze e/o le abilità di una persona? La fruizione di un'animazione consente l'inclusione delle unicità presenti in classe? Partendo dal detto «Un'immagine vale più di mille parole?», il workshop si occuperà di analizzare le questioni connesse con la multimedialità in classe, analizzando il rapporto tra immagini, video, animazioni, testo, parola.

Guarda le slide

 

11.00-12.00, 12.00-13.00, 14.00-15.00

Includere comunicando: app per aumentare i sensi e app per realizzare se stessi - Luca Ercoli

La diffusione delle app e degli smartphone sta cambiando rapidamente le modalità di interazione con il mondo e con noi stessi. Attraverso dei casi reali vi verranno presentate delle app innovative che aumentano i sensi e che permettono di realizzare se stessi. Toccheremo temi come la comunicazione aumentativa, la trascrizione audio, la traduzione simultanea e prodotti per produrre sottotitoli live. Infine parleremo delle mappe, per orientarsi ma anche per raccontare.

Guarda le slide

 

10.00-10.45

Accessibilità e usabilità dei progetti Wikimedia per gli ipovedenti

I progetti Wikimedia, tra cui l'enciclopedia collaborativa Wikipedia e la biblioteca digitale aperta Wikisource, sono nati con l'obiettivo di rendere la conoscenza umana accessibile a tutti. Ma sono, essi stessi, davvero accessibili e utilizzabili da tutti? Possono porsi come strumenti che facilitano l'accesso alla conoscenza anche a chi ha difficoltà di accesso ai tradizionali libri di testo e siti web?

Il workshop è un'occasione di incontro con alcuni giovani ipovedenti dell'associazione Albinit.org che hanno testato quattro progetti Wikimedia (Wikipedia,Wikisource, Commons, Wikivoyage) dal punto di vista dell'accessibilità e dell'usabilità reale, ovvero dello sforzo che il loro uso effettivamente richiede, sia nella fase di consultazione che di contribuzione ai progetti stessi.

L'analisi, tuttora in corso, evidenzia come i progetti wiki siano strumenti utili ed efficaci già attualmente utilizzabili in classe o per lo studio individuale da studenti ipovedenti, facilitando il loro apprendimento grazie all'utilizzo di formati aperti che permettono la lettura dei contenuti, da smartphone o pc, sfruttando i software e gli ausili personalizzati già normalmente utilizzati da ciascun ipovedente.

Il seminario sarà condotto da Agnese Marchesini, studentessa universitaria, e Marzio Glauco Ghezzi, entrambi dell'associazione Albinit.

Guarda le slide

10.00-11.00 , 14.00-15.00
MLOL Scuola. La biblioteca scolastica digitale - Paola Pala e Valentina Ginepri

Un workshop operativo per presentare l'offerta e le funzionalità della piattaforma MLOL Scuola, il servizio che porta ebook, giornali, audiolibri e tantissime altre tipologie di contenuti digitali nelle biblioteche delle scuole italiane. Agli iscritti regaleremo anche una prova gratuita del servizio della durata di un mese. Portate i vostri dispositivi (PC, smartphone e tablet).

11.00-12.00, 16.00-17.00

Information literacy: uso dei motori, analisi delle fonti - Bruno Minini

Guarda le slide

11.00-12.00, 15.00-16.00

Social reading, social writing: Wattpad - Elena Valgolio

Guarda le slide

11.00-11.45, 14.30-15.15 

Wikisource in classe: costruire insieme una biblioteca per il sapere libero   

Wikisource non è solo una biblioteca digitale libera e gratuita, con opere in italiano e altre 68 lingue, ma anche un progetto collaborativo che, attraverso una didattica laboratoriale (learning by doing), permette agli studenti di sperimentare la realizzazione di edizioni digitali di opere in pubblico dominio. In Wikisource i docenti trovano, quindi, migliaia di testi, molti corredati di testi originali a fronte, utilizzabili a scuola e anche uno strumento utile per valorizzare il patrimonio culturale della biblioteca scolastica.  Nel workshop i docenti potranno scoprire i segreti di Wikisource, conoscere i progetti scolastici in cui è stato utilizzato e confrontarsi con esperti del mondo wiki. 

Guarda le slide

12.00-13.00

Il progetto Clavis per le reti di biblioteche scolastiche - Piero Benedetti

Insieme ai responsabili delle 13 reti di biblioteche scolastiche Comperio e ad alcuni insegnanti che operano all'interno dei 21 sistemi bibliotecari di pubblica lettura, Piero Benedetti presenta le principali peculiarità del gestionale Clavis per la catalogazione e l'integrazione con la piattaforma MLOL Scuola.

12.00-12.45, 15.30-16.15 

Wikipedia in classe: una palestra di information literacy  

Wikipedia, la più grande enciclopedia libera online che promuove l’accesso per tutti alla conoscenza, a scuola diventa una palestra collaborativa dove sviluppare spirito critico e competenze informative digitali quali la ricerca, la selezione, la valutazione e il riutilizzo maturo e responsabile delle fonti online. Wikipedia a scuola, attraverso opportune voci, è anche strumento per valorizzare il patrimonio culturale presente nelle biblioteche, anche quelle scolastiche.  Nel workshop organizzato i docenti potranno scoprire i segreti dell’uso di Wikipedia in classe, conoscere i progetti scolastici in cui è stato adottato e confrontarsi con esperti del mondo wiki.

 

16.30-17.15  

Wikibooks in classe: creare risorse educative aperte in maniera collaborativa 

Wikibooks è uno dei progetti fratelli di Wikipedia e contiene attualmente più di 215.000 moduli di libri scritti in più di 100 lingue differenti, tra cui l’italiano. Wikibooks a scuola è l'ambiente ideale dove costruire in maniera collaborativa, con i propri studenti o altri docenti, e-book dal contenuto didattico (manuali, libri di testo, moduli didattici) disponibili con licenza libera. Nel workshop i docenti potranno scoprire i segreti di Wikibooks per creare Risorse Educative Aperte (OER), conoscere i progetti scolastici in cui è stato utilizzato e confrontarsi con esperti del mondo wiki. 

15.00-16.00, 16.00-17.00

Tecniche di ricerca: Webquest e Fieldtrip - Serena Triacca

Guarda le slide

CONVEGNO STELLINE SCUOLA

Editrice Bibliografica srl

Sede legale: Via San Francesco d'Assisi 15 - 20122 Milano
P.IVA, C.F. 01823660152 
R.E.A. C.C.I.A.A. di Milano N. Rea 878486

  • Facebook
  • YouTube